Da Coopfond un bando per le cooperative in cammino verso la sostenibilità

Un bando per ripartire in modo più sostenibile. Per avere una marcia in più, dopo l’emergenza sanitaria, per iniziare un percorso di riposizionamento avvicinandosi agli Obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU. È questo l’obiettivo del bando che Coopfond lancerà il 28 settembre per le imprese associate a Legacoop. con un valore della produzione compreso fra i 480mila e i 50 milioni di euro. Il percorso si articolerà in quattro fasi e prevede un investimento complessivo del Fondo di circa 650mila euro.

 

“Il ritorno alla normalità – spiega il direttore generale del Fondo mutualistico Simone Gamberini – implicherà profondi cambiamenti nelle modalità di produzione e di offerta di servizi. Tutte le imprese dovranno considerare elementi di impatto sull’ecosistema, dalle fonti di energia utilizzate alle modalità di trasporto dei beni e di mobilità delle persone. È un passaggio fondamentale. Per questo Coopfond ha scelto di di accompagnare le cooperative lungo questo percorso con un programma dedicato”.

 

“Cooperative in Transizione 2030” è un’azione pensata in sinergia con l’avviso Fon.Coop. n. 46 Rilancio del 14 luglio 2020, dedicato alla riconversione nel medio-lungo periodo, alla trasformazione e l’innovazione delle attività delle imprese aderenti attraverso l’acquisizione ed il rafforzamento delle competenze dei lavoratori. Il finanziamento di Fon.Coop potrebbe, tra l’altro, servire anche per co-finanziare la seconda fase del bando di Coopfond, ricevendo una premialità nella valutazione da parte della commissione che opererà la selezione.

 

Nei mesi di agosto e settembre Coopfond ha già coinvolto le associazioni territoriali e settoriali, per sviluppare un’azione di scouting e sensibilizzazione che prepari il terreno tra le cooperative potenzialmente interessate all’uscita del bando.  La prima fase, che prenderà il via il 28 settembre, sarà finalizzata alla raccolta delle candidature e alla loro valutazione, in base a qualità della proposta, team dedicato dell’organizzazione, indici di bilancio e capacità di co-investimento.

 

Per la seconda fase saranno selezionate, si stima, una decina di cooperative che riceveranno per otto settimane affiancamento e supporto da parte di un team specializzato di mentor e esperti costruito in base alla singola iniziativa, per un valore di 15mila euro per ogni cooperativa. Alla fase 3 si stima accederanno tra le cinque e le sette cooperative i cui progetti, dimostrata la loro reale sostenibilità, saranno sostenuti con co-investimento da parte del Fondo (fino al 70%) e degli strumenti di sistema per l’avvio della sperimentazione. La fase 4 vedrà la presentazione dei piani di sviluppo a fondi di finanza di impatto e investitori istituzionali con l’obiettivo di ottenere un supporto finanziario adeguato ad accompagnare il riposizionamento strategico nel corso dei successivi 3-5 anni.

 

Ufficio Stampa Coopfond