Servizio Civile Universale – Presentazione Domanda

Bando 2021 del Servizio Civile Universale

  • SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDA: prorogata con riserva al 9 Marzo 2022 ore 14:00 (leggi attentamente sotto*)
  • POSTI DISPONIBILI UMBRIA: 199
  • CHI PUÒ PARTECIPARE: RAGAZZI/E TRA I 18 E 29 ANNI NON COMPIUTI
  • DURATA: 12 MESI
  • CONTRIBUTO ECONOMICO: 444,30€ mensili
  • IL SCU CON LEGACOOP UMBRIA PREVEDE IL RILASCIO DI ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE FINALE E ATTESTAZIONE DELLE COMPETENZE VALIDE AI FINI CURRICULARI

Il 30% dei giovani che hanno scelto Legacoop Umbria per il Servizio Civile hanno trovato lavoro nelle cooperative dove hanno prestato servizio.

Fai anche tu un’esperienza unica, diventa volontario del Servizio Civile scegliendo uno dei progetti di Legacoop Umbria.

Quest’anno più che mai abbiamo bisogno di te.

* Proroga con riserva, cosa significa?

A seguito di un ricorso al TAR di alcuni enti, Il Dipartimento ha prorogato il bando al giorno 09/03/2022 alle ore 14.00.

Le candidature presentate successivamente alle ore 14:00 del 10 febbraio 2022 sono ammesse con riserva (in attesa della sentenza definitiva in merito al ricorso).

Ai volontari che già hanno presentato domanda entro le ore 14.00 del 10/02/2022 si consiglia di non cancellare la domanda per farne una nuova su altra sede o progetto in quanto sarebbero inseriti nei volontari ammessi con riserva.

I colloqui di selezione saranno riprogrammati in base alla nuova scadenza del Bando. Per visionare le date delle selezioni occorre collegarsi alla presente pagina a partire dal 10 marzo 2022.

Come partecipare al bando del Servizio Civile?

Scegli il progetto su misura per te e poi presenta la domanda di partecipazione online.

*si raccomanda di leggere attentamente il progetto a cui si desidera fare domanda.

Per poter inoltrare la domanda di selezione dovrai avere:

  • Il tuo Curriculum Vitae aggiornato e  redatto sotto forma di dichiarazione sostitutiva di certificazione e atto di notorietà ai sensi degli artt. 46, 47 del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445.
  • Un documento d’identità valido.
  • Il NOME o il CODICE IDENTIFICATIVO del progetto che hai scelto.

In questo breve video tutorial ti mostreremo come presentare la domanda di partecipazione al bando 2021 del Servizio Civile Universale con uno dei progetti di Legacoop Umbria.

FAQ

Domande di partecipazione

  1. Possono presentare domanda i giovani senza distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto i 18 e non superato i 28 anni di età (28 anni e 364 giorni) e siano in possesso dei seguenti requisiti: cittadinanza italiana, ovvero di uno degli altri Stati membri dell’Unione Europea, ovvero di un Paese extra Unione Europea purché il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia;
  2. Aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;
  3. Non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

Non possono presentare domanda i giovani che:

    1. Appartengano ai corpi militari e alle forze di polizia;
    2. Abbiano già prestato o stiano prestando servizio civile nazionale o universale, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista;
    3. Abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto o con organismi a questo collegati e da questo finanziati, rapporti di lavoro di collaborazione retribuita a qualunque titolo, oppure abbiano avuto tali rapporti di durata superiore a tre mesi nei 12 mesi precedenti la data di pubblicazione del bando; in tali fattispecie sono ricompresi anche gli stage retribuiti.

No, puoi presentare domanda solo se hai tra i 18 e i 28 anni (28 anni e 364 giorni) con una unica eccezione, in deroga a quanto previsto all’articolo 14 del decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40, per la quale possono presentare domanda anche i giovani che, alla data della presentazione della stessa, abbiano compiuto il ventottesimo e non superato il ventinovesimo anno di età (29 anni e 364 giorni), a condizione che abbiano interrotto lo svolgimento del servizio civile nell’anno 2020 a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Puoi presentare domanda di partecipazione esclusivamente online.

Se sei un cittadino italiano residente in Italia o all’estero puoi accedere alla piattaforma esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Se non sei cittadino italiano dovrai richiedere al Dipartimento le credenziali per accedere alla piattaforma DOL, seguendo la procedura di registrazione illustrata nel manuale.

Se tutte le sezioni presentano l’icona V verde puoi presentare la domanda di partecipazione al Servizio civile universale.

Puoi presentare la domanda anche se la sezione 3-Titoli ed esperienze presenta l’icona Δ arancione perché, come detto, per quella sezione non ci sono campi obbligatori da riempire.

Cliccando sul tasto “Prosegui per completare”, il Sistema DOL effettua alcuni controlli per verificare che ci siano tutte le informazioni richieste e che non siano presenti incongruenze. Se rileva degli errori te li segnala, dandoti la possibilità di modificare o integrare.

In caso di esito positivo ti viene mostrato un riepilogo in bozza della Domanda di partecipazione con tutte le informazioni inserite.

 

 

Sì, cliccando sul tasto “Stampa“. Quella mostrata è solo un’anteprima della domanda, caratterizzata dalla scritta “BOZZA” e significa che la tua domanda non è stata ancora inviata.

Se sei pronto a concludere la procedura clicca su “Presenta la domanda” per l’invio della domanda di partecipazione.

Da questo momento in poi non ti sarà più possibile effettuare modifiche, annullare la domanda o presentarne un’altra.

Tramite il tasto “Stampa Domanda” il Sistema DOL genera un documento in formato pdf della domanda stessa che riporta un numero identificativo prodotto automaticamente e la data e ora di presentazione della domanda. Potrai visualizzare, salvare e stampare la domanda presentata.

Potrai in ogni momento visualizzare la domanda presentata accedendo alla piattaforma DOL anche nei giorni successivi alla scadenza del bando.

Il giorno successivo alla presentazione della domanda il Sistema di protocollo del Dipartimento invia, alla casella di posta elettronica che hai indicato, la ricevuta di attestazione della presentazione con il numero di protocollo e la data e l’orario di presentazione della domanda stessa.

E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di Servizio Civile da scegliere tra i progetti inseriti nel bando pena l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti.

Estero

No. E’ possibile presentare una solo domanda per un solo progetto.

 

 

, la condizione di regolarmente soggiornante deve essere posseduta dal candidato al momento della presentazione della domanda.

Il requisito deve ovviamente essere mantenuto per tutta la durata del servizio civile e il mancato rinnovo del permesso comporterebbe l’esclusione all’avvio o durante il servizio.

Sono altresì ammissibili le domande di coloro che avendo presentato istanza per il rilascio del permesso di soggiorno sono in attesa di conoscerne l’esito e sono in possesso della ricevuta attestante l’avvenuta presentazione dell’istanza.

SPID

SPID è il Sistema Pubblico di Identità Digitale, che ti permette di accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione con un’unica Identità Digitale (username e password) utilizzabile da Computer, Tablet e Smartphone.

Se non sai cosa è SPID, quali servizi offre e come si richiede, visita il sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid.

Potrai scegliere uno degli Identity Provider e registrarti. La registrazione consiste in 3 step:

  1. Inserisci i dati anagrafici.
  2. Crea le tue credenziali SPID.
  3. Effettua il riconoscimento.

I tempi di rilascio dell’identità digitale dipendono dai singoli Identity Provider.

Ottenere le credenziali SPID è facilissimo, ti basterà disporre di:

  1. Un indirizzo e-mail.
  2. Il numero di telefono del cellulare.
  3. Un documento di identità valido.
  4. La tua tessera sanitaria con il codice fiscale.

 

Data ultimo aggiornamento: 22/12/2020

Gli Identity Provider forniscono diverse modalità di registrazione gratuitamente o a pagamento e i rispettivi SPID hanno diversi livelli di sicurezza.

Consulta il sito dell’AgId https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid/identity-provider-accreditati per verificare quale Provider offre i servizi più adatti alle tue esigenze.

Per effettuare la domanda online ti servirà il livello 2 di sicurezza SPID2.

Puoi richiedere le credenziali solo se NON hai i requisiti per disporre dello SPID, quindi se non sei un cittadino italiano ma di un altro Paese dell’Unione Europea o di un Paese Extra Unione Europea regolarmente soggiornante in Italia altrimenti devi accedere con SPID.

Puoi ottenere le credenziali, dalla pagina principale del sistema DOL, devi selezionare il link “Se non hai ancora le credenziali vai qui” per accedere alla maschera di registrazione.

Dovrai obbligatoriamente:

  1. inserire i tuoi dati anagrafici, completi di indirizzo mail valido e di un numero di cellulare che usi normalmente;
  2. esprimere il consenso al trattamento dei dati secondo l’informativa ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento UE 2016/679;
  3. caricare un solo file in formato pdf (dimensione massima 20MB) contenente copia fronte/retro del documento di identità e copia del documento attestante il codice fiscale (in alcuni casi i due documenti possono coincidere). Se sei un cittadino di un Paese extra Unione Europea con permesso di soggiorno o in attesa di rilascio di permesso di soggiorno, il file deve contenere anche il permesso di soggiorno o la ricevuta attestante l’avvenuta presentazione della domanda di richiesta del permesso.

Per terminare la procedura di registrazione seleziona il tasto “Invia la richiesta”.

 

 

La richiesta viene verificata dal Dipartimento e, se accettata, il sistema invia una e-mail alla casella di posta che hai indicato. Attraverso il link riportato nella mail puoi accedere alla pagina di modifica password.

Se la richiesta di registrazione non dovesse essere accettata riceverai una mail che te ne fornisce le motivazioni.

Sì è obbligatorio, il mancato consenso al trattamento dei dati personali impedisce la presentazione della domanda.

Altre attività

No, non è possibile candidarsi nuovamente ai progetti di servizio civile universale ma puoi presentare domanda per un altro progetto finanziato dal PON-IOG “Garanzia Giovani” .

 

 

(Nuova FAQ del 22 dicembre 2020)

Sì, a condizione che il periodo del servizio prestato non sia stato superiore a sei mesi.

 

POSSO PRESENTARE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE SE SONO UNA OPERATRICE VOLONTARIA AMMESSA AD UNA PRECEDENTE SELEZIONE PER IL SERVIZIO CIVILE, MA POSTA POI IN ASTENSIONE PER GRAVIDANZA E MATERNITÀ?

Sì, anche se non hai completato i sei mesi di servizio, al netto del periodo di astensione, purché in possesso dei requisiti di cui all’articolo 2 del bando.

 

IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE È COMPATIBILE CON ALTRA ATTIVITÀ?

, se le altre attività sono compatibili con il corretto espletamento del Servizio civile.

Ai sensi dell’art.16 comma 5 del decreto legislativo n. 40 gli operatori volontari sono tenuti a realizzare le attività previste da progetto e non possono svolgere attività di lavoro subordinato o autonomo se incompatibile con il corretto espletamento del servizio civile universale.

Sì, anche se non hai completato i sei mesi di servizio, al netto del periodo di astensione, purché in possesso dei requisiti di cui all’articolo 2 del bando.

IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE È COMPATIBILE CON ALTRA ATTIVITÀ?

, se le altre attività sono compatibili con il corretto espletamento del Servizio civile.

Ai sensi dell’art.16 comma 5 del decreto legislativo n. 40 gli operatori volontari sono tenuti a realizzare le attività previste da progetto e non possono svolgere attività di lavoro subordinato o autonomo se incompatibile con il corretto espletamento del servizio civile universale.

, se le altre attività sono compatibili con il corretto espletamento del Servizio civile.

Ai sensi dell’art.16 comma 5 del decreto legislativo n. 40 gli operatori volontari sono tenuti a realizzare le attività previste da progetto e non possono svolgere attività di lavoro subordinato o autonomo se incompatibile con il corretto espletamento del servizio civile universale.